Novità, Recensioni

Storie targate ABEditore

Due piccoli gioielli

Da poco ho avuto il piacere di conoscere la casa editrice ABEditore, conoscere le persone che stanno dietro ad ogni edizione curata nei minimi dettagli con delle copertine sempre straordinarie. Oggi vi presento due gioiellini che ho scovato recentemente. Entrambi i libri sono dei tascabili, molto comodi da portare in borsa, soprattutto in questo periodo che si viaggia molto.

L’altra metà delle fiabe a cura di Antonella Castello

Pagine 119, Prezzo versione cartacea 6,90 euro

Tutti noi da piccoli chiediamo ai genitori di raccontarci la favola delle buonanotte e quando diventiamo genitori siamo noi a raccontarle ai propri figli. Ma sappiamo come queste favole sono nate? Conosciamo i loro veri albori? Ora, grazie a questo lavoro di ricerca di A. Castello possiamo scoprire che in origine le favole non erano poi così buone e se i nostri genitori ce le avessero raccontate così come sono state scritte in principio, probabilmente non avremmo dormito per gli incubi!

Il libro ci propone tre fiabe, La bella addormentata, Il gatto con gli stivali e Cenerentola, e le loro rispettive fonti di origine provenienti da Lo cunto de li cunti di Giambattista Basile. Scopriamo così delle storie piene di scene orripilanti, tutt’altro che favole!

Di sicuro non è un libro da regalare a un bambino a Natale (a meno che non vogliate giocare un brutto scherzo ai genitori!), ma è un’opera davvero interessante, poiché, come sottolinea Antonella nell’ottima introduzione:

…le storie di Giambattista Basile si avvalgono di una morale finale. E spesso, ad aver più bisogno di un insegnamento sono proprio gli adulti.

L come libro a cura di Walter Gatti

Pagine 224, Prezzo versione cartacea 9,90 euro

Se siete degli appassionati della musica e della letteratura, questo libro diventerà per voi la Bibbia.

Le canzoni nascono e sgorgano da mille ispirazioni […] dalla vita e dalle sue imprescindibili necessità. E nella vita i libri sono una presenza imprescindibile.

Il libro rappresenta una raccolta di canzoni in un qualche modo legate alla letteratura. È comodamente diviso in categorie. Prima vengono messe alla luce canzoni dedicate ad autori come Baudelaire, Edgar Allan Poe, Majakovskij e altri; citazioni di romanzi come Chiedi alla polvere, Madame Bovary, La fattoria degli animali (solo per citarne alcuni) e di poesie prese da grandi classici come Amleto di Shakespeare o Odissea di Omero. Tutti riferimenti che galleggiavano sulla superficie, ma nessuno ha avuto il modo di farceli notare prima. Il libro è pieno di interessanti aneddoti e curiosi legami; spiega frasi nelle canzoni che canticchiamo ma non sempre sappiamo a cosa si riferiscono. La rivelazione più sconvolgente, a mio parere, è quella del testo di Hallelujah di Leonard Cohen.

Ogni canzone viene spiegata da uno dei sette autori che hanno partecipato alla scrittura del libro, tra cui Walter Gatti, che ne è il curatore. La raccolta citerà i vostri romanzi e canzoni preferite, svelandovi curiosità su di esse delle quali non eravate a conoscenza. Se non dovesse essere così, allora sicuramente vi rifarete la playlist o la whishlist dei libri da leggere.

Insomma, prendete in prestito i vinili di vostra nonna, il giradischi, versatevi un bicchiere di quello che preferite e al dolce suono delle prime note lasciatevi trasportare in un libro colmo di straordinarie e inaspettate rivelazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.