Novità

LIBRI TOP-5 DI SEMPRE

Io non rileggo MAI i libri. Questi cinque sono gli unici che rileggerei.

Inizio (come al solito) con una premessa: vi beccate questa foto perché non possiedo nemmeno uno dei miei libri preferiti. Non so come mai, ma tutti questi libri li ho letti in e-book o presi in biblioteca o mi sono stati prestati. Sicuramente prima o poi vorrei averli, ma deve essere un’edizione particolare, qualcosa di speciale, come il posto che occupano nel mio cuore <3

Spesso i lettori accaniti si trovano in difficoltà quando gli viene chiesto di nominare solo 5 libri, ma non io. Questi libri mi hanno segnata nel profondo e so per certo che sarà molto, molto difficile spodestarli. Iniziamo allora con la classifica in ordine decrescente.

5. Il Maestro e Margherita di Michail Bulgakov

Ovviamente, da mezza russa, non poteva non esserci almeno un classicone russo in questo elenco. Ho fatto la scuola in Russia e quindi ho avuto il piacere di studiarlo approfonditamente. Lo stile di Bulgakov in questo romanzo è tagliente e assurdo, ma allo stesso tempo dolce e veritiero. Proprio grazie all’assurdità riesce a rispecchiare al meglio la società russa di quegli anni. La trama è strutturata su più livelli e racconta più storie contemporaneamente che si intrecciano in un modo del tutto inaspettato.

4. Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald

Devo ammettere che è uno di quei casi in cui ho prima visto il film e poi letto il libro perché il film mi è entrato nel cuore e avevo la necessità di incontrare di nuovo Gatsby per rivivere le emozioni che mi ha regalato questa storia. Fitzgerald ha creato dei personaggi iper-realistici e un’ambientazione che suscita nel lettore il desiderio di creare la macchina del tempo e catapultarsi nell’America degli ’20. La storia di Gatsby e Daisy è una storia d’amore che non lascia nessuno indifferente e ve lo dice una che tendenzialmente evita le storie d’amore come la peste.

3. Delitto e Castigo di Fëdor Dostoevskij

Un altro immenso classicone russo che ho studiato a scuola e ho adorato dalle prime pagine. La trama del libro è incentrata su Raskòl’nikov, il protagonista, un personaggio estremamente complesso, e sulla sua ossessione che lo perseguita giorno e notte. Dostoevskij è un maestro nel mostrarla tramite piccoli dettagli che il lettore nota solo se legge il libro consapevolmente e con un occhio critico. In generale, tutte le opere di questo autore vanno lette in questa chiave. I suoi libri non sono un momento di svago, tutt’altro.

2. Fiori per Algernon di Daniel Keyes

Le prime pagine di questo libro costringono il lettore a verificare la casa editrice che ha stampato un libro stracolmo di errori tipografici. Solo dopo poche righe inizi ad intuire che gli errori fanno parte del gioco e, soprattutto, della trama. Il romanzo viene definito fantascientifico, ma io non posso farci nulla, continuerò a dire che è un romanzo di formazione perché la crescita del protagonista, il suo sviluppo, va oltre ad un semplice sci-fi.

1. Martin Eden di Jack London

Senza la minima ombra di dubbio questo è e rimarrà per sempre il miglior romanzo che io abbia mai letto. Martin Eden è un semplice marinaio che una volta conosciuta l’alta classe, la borghesia e la vita mondana fa di tutto per poter farne parte. Il romanzo è la storia di un’incredibile forza di volontà mossa dal desiderio di crescere e migliorarsi in tutti gli aspetti della vita e di come a volte la società possa essere crudele nei confronti di chi occupa un gradino sociale più basso. Questo libro fa riflettere molto e ancora oggi, a distanza di almeno 5 anni da quando lo lessi la prima volta, continuo a rifletterci su, chiedendomi se la società cambierà mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.