Autore: Cara Delevigne e Rowan Coleman, TitoloMirror, Mirror

Editore: DeAgostini, ottobre 2017

Romanzo Young Adult, pagine 379

«Perché, vedete, “normale” ha il significato che ognuno gli attribuisce»

Che cos’è la normalità? Chi decide cosa è normale e cosa no?

Cara Delevigne da sempre ha portato avanti la causa dell’importanza di essere sé stessi e di sentirsi a proprio agio con sé stessi. Ha deciso, in fine, di dedicare a questa tematica un intero libro scritto da lei con l’aiuto di Rowan Coleman.

Il romanzo parla di quattro ragazzi che fanno parte di una band, i Mirror Mirror. La bassista, Naomi, sparisce e viene ritrovata senza sensi nel Tamigi otto settimane dopo. I ragazzi non si daranno pace e cercheranno di scoprire cosa è successo alla loro amica in queste settimane.

Tuttavia, questo mistero è solo una piccola parte del romanzo, quasi marginale. Il vero scopo del libro è la causa che Cara porta avanti da sempre, ovvero l’essere sé stessi e accettarsi così come si è. Nel libro si parlerà dell’importanza dei social media oggi, di sessualità, cambio d’aspetto, relazioni: tutte tematiche adolescenziali, non per niente è uno young adult. Lo stile è leggero, scorrevole e veloce da leggere. Spesso incontriamo giochi di parole riguardo allo specchio, al riflesso, ovvi rimandi al nome della band e all’omonimo titolo del libro.

Non affrettatevi però a scartare questo libro se non vi piace il genere. Il romanzo offre non pochi spunti di riflessione sulle tematiche citate e a parere mio il libro piacerà sicuramente a ragazzi di 15-18 anni, ma dovrebbe essere letto anche dai genitori di questi ragazzi. Questo aiuterebbe i genitori ad entrare nella testa dei propri figli per capirgli meglio.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.